Stare con persone positive

Stare con persone positive

2 agosto 2020 Blog 0

Stare accanto a persone positive aumenta il benessere fisico e non solo quello psichico.

E’ stato validato a livello scientifico che il campo vibrazionale di ogni persona influisce in maniera diretta su chi le sta accanto. Il campo elettromagnetico che ciascuno emette può arrivare fino a 5 metri di distanza.
Ma cosa significa esattamente?
Noi siamo dei veicoli pulsatili, emettiamo onde e veniamo a contatto con altre onde. Vi è mai capitato di condividere una serata con persone divertenti, aperte e cordiali, o momenti con qualcuno che invece vi ha usati come se foste il suo cestino dei rifiuti?

Ebbene, nel primo caso avete aumentato il vostro benessere, e non soltanto a livello emozionale, ma avete migliorato la pulsatilità delle onde del cuore, la respirazione, lo stomaco si è rilassato grazie al fatto che il diaframma centrale si è decontratto, il sistema nervoso ha inviato buone notizie al sistema immunitario, che si è messo a lavorare per eliminare le tossine e rigenerare tutte le cellule.

Nel secondo caso, invece, il vostro cervello ha elaborato una serie di informazioni che hanno scatenato una tempesta di emozioni al vostro interno, e che forse avete dovuto contenere per non creare più disagio alla persona con la quale siete entrati in contatto. Questo ha bloccato sicuramente la produzione di neurotrasmettitori positivi, aumentando gli ormoni della cascata stressogena. Tutti i meccanismi di regolazione sono saltati, nessuno dei vostri organi ha ricevuto sufficiente grazia per riuscire a espletare le manovre autonome di rigenerazione del corpo.

Il collegamento di ogni organo ed apparato è garantito da una fitta rete di informazioni in tutto il corpo.
Il Sistema Nervoso Autonomo, grazie al campo elettromagnetico che genera una persona altamente efficiente crea un contagio positivo.
Se invece le persone disregolate stanno in contatto con una persona ben regolata, la possono disregolare.

Vanno fatti esercizi per mantenere lo stato buono. Infatti c’è una comunicazione biunivoca cervello-organi, che si sregola se sovrastimolata.

Bene, utile a sapersi. Ora che facciamo quando ci troviamo costretti a condividere degli spazi con qualcuno negativo, depresso, amareggiato o frustrato?

Per fortuna ci viene in aiuto una cosa che abbiamo tutti a disposizione gratuitamente: il RESPIRO.

Oramai si parla di coerenza cardiaca o mindfulness. La strategia è semplicissima e alla portata di tutti. Distesi comodamente a letto, gambe e braccia leggermente divaricate, inspirare profondamente e lentamente per 5 secondi ed espirare per 5 secondi, continuare così per qualche minuto. Non sarà difficile addormentarsi se si è stanchi e a fine giornata.
Il rilassamento è garantito: il cuore inizia nuovamente a dialogare con il cervello, i sistemi si regolano, gli organi si rinnovano, e tutto riparte in buona armonia.

Con il rilevatore del Sistema Nervoso Autonomo PPG STRESS FLOW siamo in grado di valutare lo stato generale della regolazione autonomica di organi e apparati, generare un biofeedback respiratorio personalizzato da eseguire a casa tutti i giorni per rigenerarsi totalmente e fare vera PREVENZIONE.

a cura di Giulina Cossettini, PhD Naturopata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *