L’acqua nel vivente

L’acqua nel vivente

2 Dicembre 2021 Blog 0

(appunti da una conferenza del Dr. Beppe Rocca e del compianto Prof. Emilio Del Giudice, Trieste 7 giugno 2008 “Quando la medicina incontra la fisica”)

L’acqua è la base del vivente.
Senza acqua, la vita come la conosciamo sarebbe impossibile.

Tutte le forme viventi si muovono in un campo energetico.
Se leggete un libro di fisica vedrete che qualsiasi sostanza o organismo emette un campo elettromagnetico, ciascuno ad uno spettro diverso. Tutti noi siamo degli emittenti elettromagnetici.

Parliamo un attimo di come è nata la vita. La teoria più accreditata è quella del Big bang. Cioè c’era molta energia concentrata in un punto, poi è esplosa e l’Universo si sta ancora espandendo.
Col primo raffreddamento sono apparse le particelle e le antiparticelle, che durano solo dei nanosecondi, poi sono emerse le cariche positive e negative, protoni ed elettroni, e dopo milioni di anni sono arrivati 92 sistemi stabili che sono gli atomi, alla base di tutto ci sta il campo, cioè lo spettro energetico dell’Universo.
Combinando 3 o 4 atomi siamo in grado di fare un cristallo, questo è avvenuto sulle stelle, che hanno temperature di milioni di gradi e sono dei laboratori di chimica nucleare, dove sono nati i primi cristalli e le prime molecole di aminoacidi. Una stella è un’alchimista che trasforma gli atomi in vari oggetti. È per questo che si dice che noi siamo figli delle stelle: è vero a tutti gli effetti.
Ma non dimentichiamo che la molecola più importante che ha permesso l’ipotesi della vita è l’acqua.

Ad un certo punto avevamo un campo di energia, detto campo zero, quello descritto come spazio-tempo, o la costante di Plank, da cui è emerso solo materiale inorganico.

Ma solo con l’acqua è stato possibile ipotizzare l’emergere di una forma vivente. Le forme viventi hanno come campo di base, come livello zero di energia non il campo energetico dell’Universo, bensì il campo dell’acqua: cosa significa questo? Che l’acqua contiene in sé le capacità elettroquantistiche (e quant’altro) di registrare, entrare in interazione, e regolare tutte le forme viventi. E’ il grado zero del vivente, è il background, il pavimento su cui emerge la vita.

Quando la Terra si è staccata come una parte della materia iniziale, il suo campo magnetico ha fatto da unione tra il materiale inorganico e il campo dell’acqua, rendendo così possibile la vita sulla Terra per influenza sulla posizione di elettroni e sul tipo di molecole che entrano a far parte degli organismi viventi.

L’acqua è indispensabile alla Vita come la conosciamo sulla Terra, e la qualità dell’acqua che assumiamo attraverso i vegetali (frutta e verdura) nonchè la stessa che utilizziamo per cucinare, fare il caffè o la tisana, bere durante la giornata, dovrebbe essere quanto più pulita da residui di cloro e tossine che purtroppo abbondano nelle nostre inquinate falde acquifere. L’acqua è un bene primario, e nell’ organismo ha un ricambio giornaliero di circa il 3,5% del nostro peso corporeo. Perciò più è pulita, più terrà il corpo pulito dalle tossine generate dal metabolismo, dal ricambio cellulare, dal sistema nervoso, ecc.

Chi segue un’alimentazione vegana o vegetariana sta molto attento alla provenienza dei vegetali di cui si nutre, proprio per la qualità dell’acqua che essi contengono. Teniamo presente che ogni alimento (anche quelli proteici) contiene acqua, pertanto il tipo di allevamento è altrettanto importante, quanto il tipo di coltivazione.

Privilegiamo quindi i mercati rionali, gli allevatori e gli agricoltori biologici e biodinamici dei nostri territori ed aiutiamoli a mantenere l’economia locale e la qualità del cibo ad alti livelli, come si conviene al buon nome della cucina italiana, evitando di spendere i nostri danari in cibi industriali provenienti da catene cosiddette alimentari irrispettose della Vita e dell’Ambiente.

Altre strategie per il miglioramento dell’acqua potabile sono molto diffuse sul mercato. Si passa da sistemi di filtrazione che costano poche decine di euro, ad altri più sosfisticati che operano la filtrazione profonda, l’alcalinizzazione del pH, la generazione di micro clusters e quant’altro, tutti dettagli che potrete approfondire colloquiando con il Dr. Alessandro Colla, tecnico energetico e vibrazionale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *